giovedì 22 gennaio 2015

Pandolce Genovese


E' un classico italiano. Io ho avuto la fortuna di assaggiarlo appena sfornato, mentre ero su uno dei set di Slow Food. Lavoravamo al libro "Dolci da forno". Ed è una di quelle ricette che mi hanno colpito per la bontà e la semplicità con cui, l'insieme di ingredienti diversi, da un risultato finale così appagante. E' un pane profumatissimo e delicato. Certo, è dolce. Ma lo è anche il panettone. Eppure entrambi si sposano assai bene con il salato.
Ma non disdegno l'abbinamento con un buon bicchierino di vino passito.  Oppure con una calda tazza di the.
Pare ci siano due versioni, quella alta e questa, quella bassa.

"Secondo alcuni storici questo dolce sarebbe di origine persiana. Pare, infatti, che il primo giorno dell’anno il paggio più giovane offrisse al sovrano un grande pandolce che poi veniva diviso tra i cortigiani. Nelle famiglie liguri è il componente più giovane che il giorno di Natale sfila dal pandolce il rametto beneaugurante d’alloro" (cit: Il cucchiaio.it). 

La ricetta che vi segnalo, è Slow Food, tratta dal libro. Ho seguito la preparazione e la cottura, devo dire che, in una giornata come oggi, dove il grigio e l'umidità imperano, mettersi fronte forno, non è un'idea così balzana. Anzi!