La mini quiche del Dr. E. :-)

Marina non volermene!!!!!!
E’ che preparare e fotografare insalate, non ti gratifica quanto farlo di dolci e pasticci…..
Dunque, perchè il titolo? Dietro c’è una storiella.
Il marito della mia Dottoressa, anche lui medico, è di una simpatia incredibile e anche un “golosastro”….. per svariati motivi negli ultimi due mesi mi hanno visto parecchie volte (diciamo sopportato) e, ogni tanto, quando andavo da loro mi portavo dietro qualche news uscita dal forno, a volte dolce, altre salata, tant’è che proprio da loro, già parecchio tempo fa, è uscita l’idea, non ancora messa a punto, di spostare la mia attenzione lavorativa proprio in cucina.
Morale, parlando e chiaccherando, avevo menzionato una quiche con cavolfiore e gorgonzola e, negli occhi del “golosastro” è passato un fulmine, così gli ho promesso dei tortini, questi qua sotto :-) anche perchè ho saputo che fra mille e più impegni, il Doc ha anche inserito nei “preferiti” del suo pc il mio blog!
Sono stati apprezzatissimi, tant’è che la prossima idea, verrà sicuramente vagliata da loro!
Ora, però, prenderà un accidente alla mia Dottoressa, perchè lei è dietologa (e ha tentato più volte di mettermi a dieta……) e quando leggerà l’elenco degli ingredienti……. beh, non sono proprio ipocalorici……. ma sono tanto buoni :-DDDD
versione mini, versione maxi

Ingredienti
1 o 2 rotoli di pasta brisèe
1 cavolfiore
gorgonzola
panna fresca
3 uova intere
aneto
parmigiano reggiano
sale/pepe qb

Srotolare la pasta e rivestirne o uno stampo da crostata o degli stampini mono porzione, far cuocere (al dente) il cavolfiore in acqua salata, metterlo ancora caldo nel robot da cucina e aggiungere, un bel pezzo di gorgonzola, la panna fresca e frullare. Otterrete una crema morbida a cui aggiungerete, una per volta, le uova e tantissimo aneto.
Un tocco di parmigiano e regolate di sale e pepe. Assaggiate, perchè io non vi do le dosi, in quanto il gusto personale di ognuno deve gradire più o meno l’intensità del gorgonzola o del cavolfiore.
Con questo composto, riempite i gusci di pasta e in forno caldo, 180°/200° per circa una mezz’ora, cmq fino a coloritura.
Se avanza della pasta, tagliatene dei pezzettini e li usate come decorazione, magari con qualche pizzico di sale nero.
Buona giornata! Soprattutto a chi ha tanta pazienza con me!

Comments

  1. 2

    says

    Vabbè dai ti perdono perché questa quiche è superba, capisco le lacrime di commozione del doc. Comunque che onore essere citata in testa al nuovo post. <BR/>ps e poi penso che ognuno debba fare ciò che sente nel cuore, se tu adesso ti senti di fare le quiche (prodotto che peraltro io amo moltissimo) e non le insalate un motivo ci sarà. Un abbraccio e buona giornata

  2. 3

    says

    @mirtilla, ma come fai a "beccarmi" non appena pubblico????? sei incredibile :-) (ps: mi fa molto piacere)<BR/><BR/>@marina, grazie, ora mi sento meglio!<BR/>quindi mi azzardo a mettere anche i biscotti?????? :-)<BR/>ciao<BR/>Babs

  3. 6

    says

    Ma che belle!cavolfiore e gorgo è un abbinamento che abbiamo sentito spesso ed a questo punto siamo curiose di provare. ecco, non aggiungeremmo la panna, piuttosto un pò di latte per ammorbidire! solo un’idea….<BR/>un bacione<BR/>PS: per i cannelloni..anch enoi solitamente usiamo la pasta fresca…meglio lavorabile! solo che non l’abbiamo trovata in verde!

  4. 7

    says

    La prossima volta provala anche con le foglie di cavolfiore… non le getterai mica eh!!! ;-)<BR/>ps che fame, vado a fare colazione (vista l’ora!)

  5. 8

    says

    Che buone le quiche! Me le mangerei in ogni versione… <BR/>Anche io per questo mese ne ho in programma nella versione mini.<BR/>A presto!

  6. 9

    says

    @evelyne<BR/>ma ciao!!!! tornata :-)? benissimo<BR/>@mary<BR/>grazie mary!<BR/>@manu e silvia<BR/>…. latte….. non saprei, la panna rende l’impasto molto consistente, quasi un souffle, ma provare direi che va benissimo<BR/>@babuska<BR/>oh bellina la foto! ti ho scritto per le foglie di cavolfiore, vai alla mail!<BR/>@carolina<BR/>a me la versione mini, o finger food, mi piace per qualsiasi

  7. 10

    says

    Babs sto cercando di mettermi tra i lettori fissi, ma perché non ci riesco? A proposito di insalate il mio fruttivendolo di fiducia (in effetti due più ascolani trapiantanti nell’anconetano con mogli, figli e nipoti) mi ha suggerito finocchi crudi, arance e olive in salamonia. Mentre in materia di quiche per l’accoppiata radicchio/brie (ma anche i porri di Evelyne hanno avuto un grande successo)

  8. 12

    says

    Sembra una ricetta golosissima! Io l’aneto lo metterei ovunque, quindi figurati, questa quiche al prossimo party ci sarà di sicuro :)

  9. 14

    says

    @marina….<BR/>npn ne ho idea del perchè tu non riesc a metterti come lettrice, magari è stato un caso, riprova, ho visto che oggi è arrivata una nuova ragazza…..<BR/>@juls<BR/>eh…. ogni tanto ci vuole, ma poi tu juls, con quel bel sorriso, mi sa che puoi concederi tutti gli strappi che vuoi!<BR/>@kja<BR/>ciao chiara!!!! grazie mille, poi mi farai sapere com’è andata. anche io ho un certo

  10. 15

    says

    Ciao Babs, questo si che è un ottimo modo per farmi mangiare alcune verdure che non mi vanno tanto a genio come il cavolfiore (lo so, sono io quella strana, ma il mio rapporto con alcune verdure è veramente difficile!).<BR/>Al di là della preparazione che è ottima, la mia attenzione si è spostata sull’aneddoto che hai raccontato e soprattutto su questa frase che cito testualmente:<BR/>"…è

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>