lunedì 21 febbraio 2011

Pane, patè e anatra al Burro salato!


Tutto è nato dalla nuova iniziativa delle Fattorie Fiandino, produttori del celeberrimo e buonissimo Burro salato 1889. Come pubblicato QUI, sul blog di Sandra, la posta in gioco è davvero allettante. La casa editrice Araba Fenice, pubblicherà un libro con la raccolta delle ricette create e fotografate dai blogger. Naturalmente tutte molto molto burrose! Altrimenti... che gusto ci sarebbe?
Allora, pensa e ripensa (modello winnie the pooh: pensa pensa pensa...) ho deciso che sarebbe stato bello partire dal pane "al burro", come la treccia svizzera, spalmarlo con un buon patè e, gia che c'ero, cuocere anche un arrostino d'anatra ripieno e tutto completamete rivestito di burro salato.
Il colesterolo ringrazia? Ma no dai! Basta essere comunque moderati!
Ecco le ricette :)


Treccia al burro- ricetta Swissworld.org:
½  Kg di farina bianca
1 uovo
250ml   latte
25 gr di lievito a cubetti
½ cucchiaino di zucchero
Setacciare la farina in una ciotola, sciogliere il lievito nel latte freddo e aggiungere lo zucchero.
Separare le uova, mettendo da parte il tuorlo.
Aggiungere il bianco alla miscela latte/lievito, sbattendo delicatamente.
Far sciogliere il Burro Salato 1889.
Aggiungere tutti gli ingredienti alla farina e mescolare accuratamente.
Ricoprire la ciotola con un telo da cucina e lasciare riposare per un ora in un luogo tiepido.
Dividere la pasta in due parti uguali e formare due rotoli; disporre un rotolo orizzontalmente sul tavolo e sistemare un secondo rotolo in modo perpendicolare al primo, formando una croce a braccia uguali.
Prendere l'estremità destra del rotolo orizzontale e farla passare sopra il rotolo verticale verso sinistra; prendere poi l'estremità sinistra e farla passare sopra l'altro rotolo verso destra.
Prendere le due estremità del rotolo verticale e fare lo stesso, portando le estremità dall'alto verso il basso e quelle in basso verso l'alto. Continuare alternando fino all'esaurimento della pasta.
Per un'alternitiva più semplice, "avvitare" due rotoli di pasta, come fossero una corda, piegando poi la pasta così arrotolata a metà e unendo le estremità.
Ripetere il procedimento per la seconda treccia.
Spennellare le pagnotte con il tuorlo d'uovo mescolato ad un goccio d'acqua.
Cuocere in forno per 40 minuti circa a 200-220° C.


Naturalmente non serve aggiungere sale in quanto abbiamo usato il Burro Salato  1889  che è sufficiente  a dare sapidità al nostro pane.

A questo punto, col pane pronto, possiamo dedicarci al patè a base di fegato e Burro Salato 1889: avendo una piccola anatra da riempire e arrostire, ho approfittato per utilizzare i fegatini per un patè saporito. Pulite i fegatini dell'anatra e raggiungete i 200gr  di peso; eventualmente potrete decidere di fare metà peso di fegatini d'anatra e metà di fegatini di pollo. Tritate finemente 150gr di cipolla bionda e mettetela a rosolare in 100gr di burro, quando sarà dorata, unitevi i fegatini e fateli colorire. A questo punto versatevi un bicchierino di sherry e lasciate cuocere qualche istante. I fegegatini debbono rimanere rosati all'interno. Spegnete il fuoco e lasciate reffreddare appena. Poi versate il tutto nella ciotola del mixer e riducete in purea. Aggiungetevi ancora 2 bei cucchiai di Burro Salato, 1889,  assaggiate e regolate il sapore con del pepe rosa e del coriandolo in grani. Ungete un piccolo contenitore, riempitelo con il patè e lasciate in frigorifero per qualche ora prima di servilo spalmato sulle fette di pane.


Per completare il tutto dobbiamo utilizzare l'anatra rimasta priva dei fegatini e pronta ad essere riempita:

Anatra ripiena arrosto:
Fatevi disossare dal macellaio di fiducia la vostra piccola anatra per poterla riempire con un impasto di: macinato di vitello 300gr, 50gr lardo pestato,  un piccolo panino ammorbidito nel latte e ben strizzato, due uova, sale e pepe qb, un goccino di cognac. A piacere potete utilizzare anche del prosciutto crudo ben tritato da aggiungere al composto. Farcite l'anatra, cucitela alle estremità e massaggiatela con un paio di cucchiai di Burro Salato 1889 su tutta la superficie. Ponete in una casseruola 50gr di Burro salato 1889 e fatelo rosolare appena, unite l'anatra che dovrà prendere colore da tutti i lati. A rosolatura avvenuta bagnate con dello sherry o marsala e abbassate la fiamma. La carne dovrà cuocere a fuoco lento per 1 ora. Per evitare che asciughi troppo, ogni tanto giratela e bagnatela col fondo di cottura.
Infine, lasciatela riposare coperta con dell'alluminio e tagliatela a fette.

Delle piccole fette d'anatra su pane e burro saranno uno spuntino perfetto in una giornata piena di impegni.

Eccoci arrivati alla fine. Ringrazio le Fattorie Fiandino per la creazione di questo contest e.... in bocca al lupo a tutti i partecipanti.  Buona giornata :)

20 commenti:

  1. Delizioso servito con il pate'! E che classe!
    Come al solito vorrei assaggiare tutto Babs, tu si' che sai prendermi per la gola! Buona settimana

    RispondiElimina
  2. Che golosità invitante .)
    Ciao Babs un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. mamma mia babs!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    sono le 9.30 ed ho già l'acquolina...che poteri hai???
    io col burro salato fiandino ho pensato ad un dolce...l'ho pubblicato ieri ;)

    RispondiElimina
  4. Oh ..questo si chiama un bel mangiare complimenti per la sciccheria esposta :) ciao bacioni

    RispondiElimina
  5. santo cielo, ma perchè mi fai venire fame alle 10 del mattino??... il mio stomaco desiste ma i miei occhi no e quasi quasi lo stanno convincendo che un bocconcino di ogni cosa a quest'ora, poi tanto male non farebbe..... FANTASTICA.....
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Che bontà!!!!!! Il colesterolo lasciamolo da parte che ogni tanto ricette così servono proprio! Quella festta di pane ora sarebbe uno spuntino perfetto... :)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  7. ho dato una dentata sul monitor che devo rimettere l'apparecchio adesso

    :)

    RispondiElimina
  8. Il pane lo vorremmo proprio provare! e ci piacciono entrambi i modi raffinati con cui lo hai servito!
    baci baci

    RispondiElimina
  9. wow !!!! Meraviglia Babsina...un trittico irresistibile...(speriamo di riuscire a rifare il pane in versione gluten free.....per il resto corrooooo)

    RispondiElimina
  10. FANTASTICO! La treccia di pane al burro è già di per sè una cosa irresistibile, con quel burro poi! Bravissima Babs, che classe, come sempre! :*

    RispondiElimina
  11. Mamma mia....le foto parlano da sole! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  12. Grandi preparazioni Babs e foto bellissime :D

    Auguroni a Camilla e compliemnti alla magnifica squadra: avete realizzato un buffet fantastico :D

    RispondiElimina
  13. E' già anche ottimo solo il pane e il burro! E le foto sempre da guardare. :-)

    RispondiElimina
  14. Maledetto iphone!! mica sono riuscita a posare il commento!!
    dicevo dunque, tu dimmi come posso essere moderata con questo piatto!! tu dmmi come!! :D
    potrei mangiare fino all'infarto.... mi ritroverei con i defibrillatori sul petto e una fetta di pane e patè in bocca!!
    :D
    Vero

    RispondiElimina
  15. buona sera a tutti! in diretta da bologna, dove sarò per due o tre giorni di sessione lavorativa, riesco solo ora a farvi un salutino e ringraziarvi d'essere passati a trovarmi!
    grazie a tutti :)
    a doman

    RispondiElimina
  16. la treccia al burro per noi è un classico dalla colazione alla cena, con il panè e burro di qualità è una ricetta molto chic

    RispondiElimina
  17. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina