mercoledì 18 aprile 2012

San Vincenzo e la Palamita: l'incontro


Ci sono posti che ti conquistano al primo istante, altri che ti rapiscono il cuore, altri ancora che ti ipnotizzano con un fascino non indifferente. Infine ci sono quelli dove arrivi per caso e incontri delle persone talmente speciali, da desiderare semplicemente di tornarci. Sono stata a San Vincenzo con Juls e Carola, grazie all'invito di Raffaella Spadoni per far parte della giuria che seguirà l'undicesima edizione di "Tutti pazzi per la Palamita". Ed è stata un'esperienza unica, ricca di sfaccettature. A cominciare dal viaggio.



Partire da una Milano sotto un acqua torrenziale ed arrivare ai limiti della Maremma accolta dal cielo blu, dalle colline verdi lungo la strada, dai prati carichi di fiori gialli, dalle nuvole bianche e dai profumi di primavera. Non si poteva cominciare meglio. Incontrare Juls e Carola, conoscere Raffaella, simpatica e travolgente. Fare il tour degli 8 ristoranti in gara, tutto in una giornata.... si, abbiamo fatto 8 degustazioni, che in effetti sono state molto di più, visto che i ristoratori ci hanno coccolato e viziato con assaggi e delizie. 24 ore full immersion in sapori nuovi e persone coinvolgenti.
Tenendo d'occhio l'orizzonte, guardando  l'Elba e la Corsica....



Diviene difficile staccarsi dalle sensazioni e rimanere obiettivi. L'accoglienza è stata unica e impeccabile, i ristoratori, gli chef.... superbi e dotati di quell'umiltà che non siamo più usi trovare. Troppo abituati alle star, ai super acclamati, quelli che fanno pesare il proprio nome e, spesso, anche il proprio ego. Così, immergersi in una realtà differente, fatta di piccoli gesti e poca vanità, è stato edificante. Anche chi potrebbe permettersi il lusso di sventolare un cognome altisonante, trattiene senza fatica l'esibizione, concedendosi alle chiacchiere e alle spiegazioni su un lavoro che pochi davvero fanno "per passione". Si, mi leggo e mi rendo conto che le mie parole sono differenti dal solito. Forse sono stata contagiata pure io da questa terra e da queste persone.


 



Ma almeno devo accennarvi "cos'è la Palamita"! In estrema sintesi, un piccolo tonno, o un grosso sgombro, la famiglia è quella. Un pesce azzurro che domina le acque di questa parte di Toscana. Acque ancora pulite. E' un presidio Slow Food questo pesce. Con oneri e onori. Sapore deciso, carne abbastanza grassa, è interessante notare come cambiano il sapore e la consistenza, in base ai tagli ed alle cotture. Non posso anticiparvi le nostre scelte in merito ai possibili vincitori, ma posso dirvi che delle otto proposte, solo una proprio non mi ha convinto. Cruda o cotta, la Palamita esprime delle potenzialità che non mi aspettavo. Probabilmente è anche per questo che il Comune di San Vincenzo è arrivato all'11 edizione di " Tutti pazzi per la Palamita". Quest'anno sarà il 5/6 maggio. Noi ci saremo, voi dovreste raggiungerci!







Ecco,  questi sono alcuni dei nostri "assaggi", mi scuso per le foto che non rendono particolarmente bene , molte le ho fatte la sera con poca o pessima luce. QUI invece trovate l'elenco dei ristoranti che partecipano alla gara. Di questi ristoranti, un paio mi hanno colpito per la location incantevole, direttamente "sul" mare, come palafitte. Una meraviglia da scoprire.


Come da conoscere è anche la cittadina di San Vincenzo e i dintorni. Ricca di fascino, con colline alle spalle e un panorama splendido sul mare. Gente schietta, gentile ma senza secondo fine. Mi sono piaciuti. Tutti, indistintamente. Ora lo so, dovrei raccontarvi altro, dovrei prendere una bella Palamita e provare a cucinarla a casa e creare qualcosa di nuovo, ma sono reduce da cotante belle sensazioni che.... voglio "gustarmele" e magari riparlarne dopo la Festa di maggio. Anche perchè, a parte il mare, siamo stati ospiti su un "poggio", in una location mozzafiato di cui vi racconterò nei prossimi giorni, appena riordinate le idee e le immagini.
Nel frattempo.... tenete d'occhio anche i blog di Juls e Carola, scriveranno anche loro! Buona giornata.


14 commenti:

  1. Ho visto che tra i ristoranti c'è anche il Bucaniere... Quello ha una location ed un design fantastico... e poi è decisamente figlio d'arte ;-)

    RispondiElimina
  2. A San Vincenzo ci sono stata qualche anno fa in un piccolo paradiso: una amica aveva un pezzetto di spiaggia privata. tetto di paglia, gigli bianchi che crescono spontanei.non ti dico quanto mi ha preso il cuore!
    peccato che il 5 e 6 non riuscirò a venire.
    baci!
    bellissime le foto!

    RispondiElimina
  3. Sai che dovevo essere pure io tra i vostri?
    Il mio problema è stato il non avere ferie ;(
    Cacchio, quante cose meravigliose mi sono lasciata sfuggire... un gran bel peccato! Ma almeno voi vi siete divertite e questo mi consola parecchio!! Torno a perdermi nelle tue foto... un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Fluvietto :) persona meravigliosa, si, figlio d'arte ma di una semplicità che lascia basiti.
    Ciao Ilaria!

    Ciao Cinzia! Accidenti, prima o poi troveremo il modo per incontrarci ancora!

    Claudia... che peccato! In primis mi sarebbe piaciuto moltissimo conoscerti, poi... davvero è stato entusiasmante!

    RispondiElimina
  5. Viene voglia di partire subito per perdersi in questi paesaggi e in questi sapori.
    Claudette

    RispondiElimina
  6. beata te!
    posto bellissimo e cibo altrettanto eccellente a giudicar dalle foto!

    RispondiElimina
  7. Meravigliosa esperienza!Persone uniche...son quelle che fanno la differenza!Se poi il cibo è ottimo...beh allora la giornata è stata veramente perfetta!!!

    RispondiElimina
  8. foto meravigliose Barbara, avete beccato una gran bella giornata, dopo una libecciata la luce, il mare, il cielo hanno colori speciali!!!
    piacevole tour de force vero?
    a presto
    Cris

    RispondiElimina
  9. claudette, parti!!!!
    ciao gio :) un abbraccio!
    zebretta! si, persone uniche :)
    cristina, tu sei di parte! ;)

    RispondiElimina
  10. Bellissime foto, rendono proprio onore alla mia terra, un po' meno, a mio avviso, lo sono i permessi dati per costruire in riva al mare, avrei preferito un bucaniere un po più ritirato in pineta.
    Sono un po' uggiosa! scusami, ma lungo la costa se ne vede di tutti i colori. Io preferirei vedere solo i colori dei nostri paesaggi. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Mi hai fatto scendere la lacrimuccia, che nostalgia di casa... Grazie. Baci.

    RispondiElimina
  12. Conosco benino la palamita e non posso che essere contento di iniziative similari. Spero che la corretta informazione fatta sul pesce azzurro nn diventi però come in altri luoghi e per altri tipi di pesce (sempre azzurro) un modo per rendere esclusivo un alimento che dovrebbe invece essere alla portata di tutti e non solo "piatto di recupero chic"...perchè sarebbe un vero peccato.
    Molto belle le foto :)

    RispondiElimina
  13. Simo, da un lato ti capisco e comprendo, dall'altro, sono sincera, essere "sul" mare a mangiare del buon pescato e godersi un tramonto.... è impagabile! Ciao!

    Marina, ciao.... sei ancora in giro per il mondo?

    Ciao Gambetto, che piacere leggerti! Concordo con te e, credo, che la Palamita non corra questo rischio, almeno, me lo auguro rimanga alla portata di tutti noi. Grazie!

    RispondiElimina
  14. Ciao!!! Non ci conosciamo personalmente ma da tempo seguo il tuo blog e quando ho letto "San Vincenzo e la Palamita" ho avuto un tuffo al cuore.. Sarà perchè San Vincenzo per me è la seconda casa, sarà perchè il Bucaniere è un locale che conosco molto bene, sarà perchè lo Chef che ci lavora é mio fratello (Lorenzo Lunghi)..
    Sarò anche io presente il 5 e 6 Maggio in occasione della Palamita, sarebbe un vero piacere conoscerti personalmente.

    RispondiElimina